#FOODNEWS CURIOSITA' RICETTE VEGETARIANE

IL CARBONE VEGETALE #incucina

09/11/2015

carbone-vegetale-polvere

Il carbone vegetale non è altro che una polvere derivante dalla carbonizzazione senza fiamme della legna di pioppo, di salice o di altre varietà. Per ottenerla, si porta il legname e i suoi derivati a una temperatura molto elevata – anche di oltre 600 gradi – in assenza però di ossigeno. Per uso medico vi è un’ulteriore raffinazione: più il materiale è poroso, maggiore la capacità di assorbire alimenti e sostanze tossiche.

Diverse osservazioni cliniche hanno chiaramente documentato l’efficacia adsorbente nei confronti di sostanze tossiche (composti chimici, tossine batteriche, ecc.) attenuando quindi la loro pericolosità a causa del ridotto assorbimento gastrointestinale. Per tali proprietà il carbone vegetale viene riconosciuto dalla FDA (Food and Drug Administration) come valido antidoto generico in caso di avvelenamento acuto, dovuto sia alla eccessiva introduzione di farmaci, sia alla ingestione di sostanze tossiche o velenose ad esclusione di acidi e basi forti, acido borico, cianuro, litio, alcool etilico e metilico, integratori a base di ferro, acidi inorganici, molecole poco ionizzate.

Le proprietà benefiche del carbone vegetale agiscono in particolar modo sull’intestino e sullo stomaco: permettono l’eliminazione di gas, calmano l’acidità di stomaco, il gonfiore della pancia e il reflusso.carbone

Grazie alle caratteristiche fortemente adsorbenti, il carbone vegetale limita gli effetti di aerofagia e meteorismo trattenendo i gas ingeriti o prodotti nei suoi pori. Per lo stesso motivo, agisce efficacemente sul gonfiore addominale, riducendo tensione e dolore e facilitando le normali funzioni dell’intestino;

La somministrazione di carbone vegetale può aiutare a limitare gli effetti di una diarrea particolarmente fastidiosa, soprattutto quando derivante da patologie croniche come la sindrome del colon irritabile.

Oltre a ridurre l’eccesso di succhi gastrici, le capacità adsorbenti del rimedio manifestano anche una lieve conseguenza antibatterica, dovuta all’inclusione di germi e batteri all’interno dei pori di cui il carbone è composto. Per questo, può essere utile per contenere l’alito cattivo, perché spesso causato proprio dalla colonizzazione di batteri nel cavo orale.

Esistono tuttavia delle controindicazioni: l ricorso al carbone vegetale è molto ben tollerato dall’organismo, con effetti collaterali blandi o del tutto nulli. Esistono però delle precise controindicazioni all’assunzione, di cui va tenuto debito conto e da vagliare con l’aiuto del medico curante. Innanzitutto, può interferire non solo con l’assunzione di sostanze nutritive, ma anche con qualsiasi farmaco, riducendone gli effetti.

pizza cv

PIZZA – Ingredienti per due pizze:

  • 250 g di farina 00
  • 3/5 g di carbone vegetale
  • circa 130 ml di acqua
  • 1 gr. di lievito di birra
  • 7/8 gr. di sale marino fino
  • tre cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • mozzarella q.b
  • basilico fresco
  • passata di pomodoro

 

Procedimento:

Dopo aver creato l’impasto con farina, lievito, sale e carbone vegetale si comincia a modellare la pasta con le mani, aggiungendo olio. La seconda fase consiste nell’attendere che il nostro impasto riposi almeno 30 minuti in un contenitore coperto con una pellicola di cellophane per alimenti, per poi lasciarlo a temperatura ambiente per almeno 6/8 ore. Successivamente stendere la pizza a mano o con il mattarello. Cuocere la nostra pizza con il forno al massimo e, dopo averla sfornata, aggiungere il pomodoro, la mozzarella, lasciarla riposare in forno giusto il tempo di rendere filamentosa e poi aggiungere, in uscita, le foglie di basilico.

PANE – Ingredienti Pane-al-carbone-vegetale

  • 500 g di farina 00
  • 1 cucchiaino di sale
  • 1 cubetto di lievito di birra
  • 6 g di carbone vegetale (si compra in farmacia)
  • 6 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • 1 pizzico di zucchero
  • Acqua tiepida

Procedimento:

Disporre su una spianatoia la farina. Mescolate bene gli ingredienti affinché il tutto sia omogeneo. Create una fontanella al centro della farina e aggiungi l’olio, poi sciogliete il cubetto di lievito di birra versando gradualmente dell’acqua tiepida; iniziate ad impastare energicamente. Aggiungete il carbone vegetale (in polvere) alla farina. Il carbone vegetale non modifica il sapore del pane ma lo rende più digeribile.

Print Friendly, PDF & Email

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

Advertisment ad adsense adlogger