CURIOSITA' PRIMI

6 APRILE #CARBONARADAY

06/04/2017

#Carbonaraday: si celebra la ricetta più discussa del mondo (insieme a quella dell’amatriciana!)

Carbonara day

Si litiga sugli ingredienti

C’è chi sostiene che si debba fare con la panna, c’è che dice che si debba fare con la pancetta. Tantissime sono le opinioni diverse, tantissime le diverse tradizioni famigliari e via discorrendo.

Spaghetti, guanciale, pecorino, uovo, sale e pepe, tantooo pepe. Questi sono gli ingredienti della vera carbonara!

Ma oggi, 6 aprile, c’è un hashtag e una giornata intera per parlarne, ovviamente sui social! L’hashtag è voluto e dovuto, perché l’evento andrà in onda principalmente su Twitter.

Ideato da I.P.O (International Pasta Organization) e AIDEPI (Associazione delle industrie del dolce e della pasta), vuole celebrare questa ricetta, amatissima anche dai Millenials (secondo un’indagine della Doza-Aidepi è il piatto del cuore dei 15-35enni) di tutto il mondo, iconica e facile da preparare, tramite uno dei social più famosi e seguiti.

Basterà seguire l’hashtag #carbonaraday, dalle 12.00 alle 14.00, per partecipare a un dibattito che vedrà blogger, food influencer, giornalisti e chef dire la loro su questo piatto e più in generale sul rapporto tra tradizione e contaminazione in cucina.

L’evento avrà un secondo momento dalle 17.00 alle 19.00 (ore italiane) per far partecipare alla discussione sulla carbonara tutti i food lovers americani!

Ma perchè proprio il 6 aprile? Una data scelta non a caso: esattamente un anno fa il sito francese Demotivateur pubblicò un video nel quale la ricetta italiana veniva stavolta, facendo inorridire ogni appassionato.

Si litiga anche sulle origini!

A dispetto del suo essere radicato nelle abitudini alimentari, è un piatto più recente di quanto si creda. La prima ipotesi prevede un’origine americana.

La nascita della pasta alla carbonara risiederebbe nella ‘Razione K’ che Ancel Keys, biologo e fisiologo statunitense, inventò nel 1942 per garantire una dieta adeguata alle truppe alleate.

I soldati americani accompagnavano la ‘Razione K’, nello specifico il tuorlo d’uovo in polvere e il bacon con gli spaghetti per aumentare la dose di carboidrati.

La seconda ipotesi è che il piatto sarebbe stato ‘inventato’ dai carbonai appenninici (carbonari in romanesco), i quali lo preparavano usando ingredienti di facile reperibilità e conservazione.

La carbonara in questo caso sarebbe l’evoluzione del piatto detto ‘cacio e ova’, di origini laziali e abruzzesi.

Un’ultima ipotesi ricondurrebbe l‘origine della ricetta alla cucina napoletana. Questa tesi individua in alcune ricette presenti nel trattato del 1837 Cucina teorico-pratica di Ippolito Cavalcanti una possibile origine della pietanza.

Ecco come la faccio io!

Ingredienti per 4 persone:

  • 400 g di spaghetti,
  • 4 tuorli,
  • 150 g di guanciale,
  • 100 g pecorino grattugiato,
  • Pepe nero

Preparazione:

Mettete a lessare gli spaghetti in abbondante acqua salata.

In una padella fate rosolare il guanciale tagliato a dadini SENZA olio.

A parte, in un’ampia terrina, sbattete energicamente con una forchetta i 4 rossi d’uovo con il pecorino ed il pepe.

Scolate gli spaghetti e aggiungeteli al composto preparato.

Unite ora anche il guanciale croccante.

Amalgamante bene e servite!

 Buonissiiiiima!

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

Advertisment ad adsense adlogger