CURIOSITA'

SEMI DI LINO in cucina e nella dieta alimentare

19/05/2015
semi-di-lino

Foto: http://www.vivodibenessere.it/olio-di-semi-di-lino-ottimo-a-tavola-e-per-i-tuoi-capelli/

I semi di lino sono sempre più elogiati per le loro proprietà benefiche, che possono tornare utili sia per la cura dei capelli che per regolare l’intestino e a fare “il pieno” di Omega 3. Altri benefici che possiamo trarre dall’uso dei semi di lino sono un aiuto contro la stitichezza, l’utilità nel combattere infiammazioni interne come le cistiti, e infiammazioni esterne della pelle. I semi di lino a contatto con l’acqua nello stomaco formano una sorta di mucillagine che ammorbidisce le feci e ne aumenta il volume. Un incremento che stimola la peristalsi, cioè l’espulsione delle feci da parte dell’intestino. Accanto a un’alimentazione ricca di fibre e un’attività fisica costante, questi semi rosso bruno, lunghi 4-5 mm, coadiuvano la defecazione.

Due le ricette. La prima prevede che si prendano 4 o 5 cucchiaini da tè di semi, li si spezzetti, li si lasci in ammollo per venti minuti, poi si filtri la bevanda e si beva. La seconda opzione, indicata per coloro che sono a dieta (i semi hanno un grande apporto calorico, 470 calorie per cento grammi) prevede l’ingestione di un paio di cucchiai di semi e, di seguito, di un bicchiere o due d’acqua. I semi transiteranno nell’intestino aumentando di volume e rilasciando le sostanze emolienti, ma usciranno ancora interi. Così i grassi di cui sono ricchi non verranno assorbiti dall’intestino.

I semi di lino sono utilizzatissimi in particolare tra chi realizza il pane in casa, esattamente come avviene ad esempio per i semi di sesamo. Analogamente, i semi di lino possono entrare nella preparazione di focacce, pasta fatta in casa, ma anche insalate, zuppe e vellutate. Da non sottovalutare il loro ruolo nei dolci: i semi di lino possono esser infatti mescolati alla farina di avena, alla crema di grano, al gelato e ai budini, ma tornando al salato anche al formaggio fresco, per dei simpatici e stuzzicanti antipasti. I semi vanno acquistati freschi e integri, devono poi essere lievemente tostati in forno e poi tritati.

Print Friendly, PDF & Email

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

Advertisment ad adsense adlogger